Risolvere il problema delle merci obsolete in magazzino

Tramite un algoritmo è possibile analizzare la curva relativa all’obsolescenza sulla base del deterioramento costante o di una data limite della merce ma, per essere precisi, bisogna prima prendere in considerazione che:

– Farmaci e alimentari: hanno una data di scadenza ben chiara e definita (una volta scaduta, la merce risulta invendibile);

–  Prodotti tecnologici: risultano obsoleti in modo continuo nel momento in cui viene lanciato un nuovo modello sul mercato.

 Quali sono le conseguenze per le aziende? I costi dell’obsolescenza per un magazzino risultano essere sempre molto elevati. Al fine di ottimizzare le scorte risulta necessario prima di tutto mettere ordine nel proprio capannone, sistemando questi prodotti in aree apposite (ad. esempio su un soppalco) e calcolandone lo stock in modo ottimale, al fine di ottimizzare le scorte – invero facendo in modo che il numero di prodotti rimanenti risulti essere sempre limitato.

 

Vuoi risolvere il problema delle merci obsolete in magazzino? Contattaci ora per una consulenza e valuta le nostre proposte di stoccaggio più idonee alla tua attività!

Email: vendite@logima.it

Tel: +39 045/6020172

Essere competitivi sul mercato

 – Efficienza. E’ doveroso che le aziende, nell’ottica di una visione futura, arrivino a ridurre al minimo le perdite di tempo in magazzino nella ricerca di materiale obsoleto oppure nella gestione dell’inventario periodico. A tal fine ogni azienda a livello di logistica dovrebbe adoperarsi per investire in un inventario informatizzato – che è in grado di far visionare all’operatore in tempo reale disponibilità dell’articolo, giacenza, data di scadenza ed eventuale necessità di rifornimento – e di scaffalature idonee al deposito anche in mancanza di spazio: i soppalchi.

– Sicurezza. Informatizzare il magazzino può aiutare l’azienda ad eliminare eventuali errori relativi all’invio di merce sbagliata tracciando in tempo reale il materiale dal suo ingresso in deposito fino alla consegna al cliente finale. E’ possibile anche limitare l’errore umano usufruendo di sistemi di stoccaggio maggiormente idonei ai flussi di magazzino che siano integrati con appositi sistemi di protezione per favorire la sicurezza non solo della merce prelevata ma anche dello stesso operatore.

– Accuratezza.  Viene intesa come la capacità dell’azienda di rispettare le condizioni pattuite per la consegna del materiale al cliente relativa alla conformità rispetto all’ordinato (per quanto riguarda documenti, tempi di consegna, materiale adeguato rispetto alla fornitura, etc.).  Per ottenerla è bene occuparsi di curare al massimo le parti relative all’efficienza e alla sicurezza, utilizzando software gestionali informatizzati di magazzino e strutture idonee per velocizzare la preparazione degli ordini.

 

Sei interessato a rendere il tuo magazzino maggiormente competitivo sul mercato? Contattaci oggi stesso per un preventivo senza impegno!

Email: vendite@logima.it

Tel: +39 045/6020172

I flussi di magazzino

– ACCETTAZIONE: fase che va dall’arrivo della merce in ingresso da parte del fornitore al controllo della documentazione da parte dell’operatore di magazzino (ovvero la verifica tra tipologia di articolo e quantità ordinate/ricevute e un primo controllo qualità);

 – IMMAGAZZINAMENTO: La merce viene scaricata e poi immagazzinata seguendo diversi spostamenti interni. I problemi maggiori in questa fase sono la mancanza di spazio, errori di stoccaggio nel posto sbagliato e mancata registrazione della posizione. Una soluzione in questa fase è data dall’ottimizzazione degli spazi (con l’ausilio di soppalchi e/o scaffali multipiano) e delle scaffalature e dall’ utliizzo di sistemi wms di tracciatura della merce;

 – PICKING:  Fase relativa al prelievo e alla sua ottimizzazione al fine di poter offrire un servizio veloce e competitivo. Migliorare le scaffalature utilizzando sistemi di stoccaggio più rapidi (es. magazzini gravità) può aiutare gli operatori a velocizzare tali operazioni;

 – PACKAGING: Fase di preparazione dell’ordine dove viene compattata la merce al fine di diminuire le unità e ottimizzare gli spazi;

 – CARICO: La merce viene caricata sui mezzi ed è pronta per la spedizione.

 

Sei interessato a migliorare i flussi del tuo magazzino? Contattaci ora!

Email: vendite@logima.it  –  Tel: +39 045/6020172

Soppalchi e vantaggi

Oltre al ricavo di ulteriore spazio ambientale attraverso lo sfruttamento delle altezze, sussiste anche il fattore durevolezza e funzionalità che permette ai soppalchi di durare nel tempo e quindi di venire utilizzati per i più svariati usi, ad esempio per attività di deposito oppure per la progettazione di uffici, senza arrivare a compromettere la sicurezza di magazzino.

La struttura inoltre è progettata per costituire il minimo ingombro strutturale non andando ad alterare lo stato degli edifici con lavori invasivi, potendo anche arrivare a raddoppiare o addirittura triplicare le superfici utili.

La versatilità è un’ulteriore caratteristica del soppalco, in quanto offre la possibilità di scegliere tra più soluzioni di finitura della struttura e tra  diverse tipologie di piani di calpestio, puntando sia sul fattore estetico che su quello funzionale.

La personalizzazione con scale e ulteriori accessori e  l’ integrabilità con sistemi di scaffalature già presenti rappresentano un’ulteriore plus che rende il soppalco un prodotto da prendere altamente in considerazione per lo stoccaggio delle merci e per l’integrazione degli spazi strutturali all’interno di un magazzino.

 

Per ulteriori informazioni:

Email: vendite@logima.it

Tel: +39 045/6020172

 

Migliorare le prestazioni di magazzino

 – BOTTON UP: intervento di miglioramento sulle problematiche interne di magazzino (problemi di spazio, di produttività, di gestione dei compiti, etc.);

– TOP DOWN: intervento di riorganizzazione degli ambienti esistenti oppure realizzazione di nuovi spazi.

Le migliori soluzioni a tale proposito concernono:

L’utilizzo di appositi sistemi di stoccaggio sia di tipo tradizionale (portapallet, drive-in, gravità,  soppalchi, scaffalature metalliche, etc.) che automatico (magazzini automatici, semiautomatici, magazzini con satellite);

– La gestione integrata del magazzino per mezzo di software (wms, rfid, altre tecnologie…);

– L’attenzione verso il personale addetto al magazzino che deve essere istruito periodicamente attraverso corsi di formazione e valorizzato sulla base delle proprie caratteristiche e capacità personali, al fine di ottimizzare l’intero flusso di gestione.

 

Sei interessato? CONTATTACI ORA!

Email: vendite@logima.it  –  Tel: +39 045/6020172

Come riorganizzare la propria struttura logistica

Per tale motivo è indispensabile che l’ azienda corra subito ai ripari adottando le seguenti misure preventive:

– Prediligere la creazione di ubicazioni dinamiche, al fine di favorire  la saturazione e l’ottimizzazione degli spazi disponibili;

– Utilizzo della geolocalizzazione, di rfid e/o di voice picking per l’identificazione rapida dei prodotti a magazzino;

Riprogrammazione del layout di magazzino per ridurre drasticamente i viaggi e il numero di operazioni del personale addetto;

Formare periodicamente il proprio personale aiuta l’azienda a migliorare le competenze delle risorse di magazzino con conseguente aumento della produttività;

Utilizzo di sistemi di stoccaggio ottimizzati (magazzini automatici per ridurre al minimo gli errori e ottimizzare le performance, scaffalature gravità per velocizzare il picking, soppalchi per aumentare gli spazi esistenti, etc.).

 

Sei interessato a riorganizzare la tua struttura logistica? Chiedi aiuto a noi!

Email: vendite@logima.it

Tel: +39 045/6020172

 

I fattori di scelta delle scaffalature

 – Man-to-goods, ovvero scelta di avvalersi di sistemi di stoccaggio tradizionali in cui è l’operatore che raggiunge l’area di stoccaggio occupandosi del picking. In questo caso si ricercano scaffalature standard di tipo manuale (portapallet, drive-in, etc.);

– Goods-to man ovvero sono i mezzi meccanici che raggiungono l’area di stoccaggio e si opta in questo caso per magazzini automatici oppure semiautomatici;

– Logica FIFO: i primi carichi effettuati sono i primi ad essere prelevati. Questa logica è utile per settori lavorano con prodotti deperibili o a scadenza;

– Logica LIFO: l’ultimo carico ad entrare è il primo ad uscire. Utile per sistemi di stoccaggio che verranno suddivisi per cliente o aree geografiche;

– Spazio: disponibilità di avvalersi di poche o molte aree di lavoro dove poter progettare le scaffalature a cui può far seguito la richiesta di aggiunta di maggiore spazio con l’ausilio di soppalchi o scaffalature multipiano;

– Grado di selettività: anche la densità e frequenza di stoccaggio, flussi compresi, può influire sulla scelta delle giuste scaffalature, che devono essere atte ad ottimizzare e velocizzare tali processi.

 

Sei interessato? Contattaci ora per un sopralluogo!

Email: vendite@logima.it  –  Tel: +39 045/6020172

Come allocare le UDC in magazzino

Al fine di rispondere a tale domanda è bene precisare che esistono tre diverse modalità d’azione:

– ALLOCAZIONE A POSTI CONDIVISI: Ogni posto pallet può ospitare  una qualsiasi UDC di un qualsiasivoglia articolo;

– ALLOCAZIONE A POSTI DEDICATI: Per un certo intervallo di tempo a ciascun articolo sono assegnate determinate postazioni di stoccaggio;

– ALLOCAZIONE A ZONE DEDICATE: Situazione ibrida tra le due precedenti, con assegnazione degli articoli in fase di prelievo a determinate zone per lo stoccaggio.

Gli articoli vengono solitamente ordinati in maniera decrescente per ordine di accesso e successivamente divisi in classi a seconda degli articoli: quelli con maggiore indice di accesso si troveranno più vicino agli ingressi, mentre quelli con minore indice saranno disposti più lontani.

Quale tra queste rappresenta la soluzione migliore? Sicuramente quella che fa risparmiare maggiore tempo agli addetti al magazzino (allocazione a posti dedicati o allocazione a zone dedicate).

Oltre al tipo di allocazione è bene valutare attentamente anche il sistema di stoccaggio utilizzato e la capacità di spazio, il cui problema si può ovviare progettando un soppalco industriale.

Se hai bisogno di una consulenza in merito, Logima Srl sarà in grado di aiutarti.

 

CONTATTACI ORA!

Email: vendite@logima.it

Tel: +39 045/6020172

Come funziona la logistica di un magazzino generale

I magazzini di questa tipologia di solito hanno bisogno di grandi spazi a livello di metrature, in quanto le merci che appartengono a categorie e mittenti diversi devono venire velocemente catalogate e ordinate tramite codici a barre al fine di poter procedere velocemente al loro reperimento e al relativo inoltro al destinatario. Solitamente è possibile gestire fino a 30 ordini al minuto.

A livello logistico, questi magazzini hanno sostanzialmente bisogno per lavorare bene di:

– SISTEMI DI STOCCAGGIO PALLET ADEGUATI alle differenti tipologie di merce, sia essa leggera che pesante;

SOPPALCHI PER AUMENTARE LE AREE DI LAVORO e consentire così agli operatori di velocizzare le operazioni di magazzino riducendo drasticamente il disordine creato dalla mancanza di spazio;

– SISTEMI DI AUTOMAZIONE che consentano di velocizzare e automatizzare le operazioni di prelievo della merce.

 

Sei interessato a migliorare la logistica del tuo magazzino generale o hub logistico? Contattaci ora!

Email: vendite@logima.it

Tel: +39 045/6020172

Perché è necessario acquistare un soppalco industriale

I vantaggi di avere un soppalco all’ interno del proprio magazzino sono molteplici.

Oltre al ricavo di ulteriore spazio ambientale attraverso lo sfruttamento delle altezze, sussiste anche il fattore durevolezza e funzionalità che permette ai soppalchi di durare nel tempo e quindi di venire utilizzati per i più svariati usi, ad esempio per attività di deposito oppure per la progettazione di uffici, senza arrivare a compromettere la sicurezza di magazzino.

La struttura inoltre è progettata per costituire il minimo ingombro strutturale non andando ad alterare lo stato degli edifici con lavori invasivi, potendo anche arrivare a raddoppiare o addirittura triplicare le superfici utili.

La versatilità è un’ulteriore caratteristica del soppalco, in quanto offre la possibilità di scegliere tra più soluzioni di finitura della struttura e tra  diverse tipologie di piani di calpestio, puntando sia sul fattore estetico che su quello funzionale.

La personalizzazione con scale e ulteriori accessori e  l’ integrabilità con sistemi di scaffalature già presenti rappresentano un’ulteriore plus che rende il soppalco un prodotto da prendere altamente in considerazione per lo stoccaggio delle merci e per l’integrazione degli spazi strutturali all’interno di un magazzino.

 

Per ulteriori informazioni scrivi a vendite@logima.it o chiama il numero 045/6020172