Calcoli strutturali e normative per la sicurezza delle scaffalature

Le scaffalature vanno genericamente distinte in:

Al fine di analizzarne il calcolo strutturale, le scaffalature vengono inoltre suddivise in 3 classi:

La normativa che si occupa, invece, della sicurezza delle scaffalature durante il loro utilizzo è costituita dal decreto legislativo n. 81/2008, il quale stabilisce che in fase di progettazione i progettisti debbano tener conto di tutti gli eventuali danni che la struttura potrebbe subire in seguito ad eventuali urti, mentre il proprietario/committente della scaffalatura dovrebbe individuare e prevedere tutti i rischi connessi all’uso della scaffalatura stessa.

Logima a tal fine da oltre trent’anni garantisce ai propri clienti scaffalature di elevato livello qualitativo puntando sulla sicurezza delle strutture progettate e sul rispetto totale delle normative nazionali e internazionali, garantendo affidabilità e durevolezza nel tempo.

 Scopri di più sui nostri prodotti e scrivici una mail a: vendite@logima.it

Normative per la sicurezza delle scaffalature

Le scaffalature vanno genericamente distinte in:

Al fine di analizzarne il calcolo strutturale, le scaffalature vengono inoltre suddivise in 3 classi:

La normativa che si occupa, invece, della sicurezza delle scaffalature durante il loro utilizzo è costituita dal decreto legislativo n. 81/2008, il quale stabilisce che in fase di progettazione i progettisti debbano tener conto di tutti gli eventuali danni che la struttura potrebbe subire in seguito ad eventuali urti, mentre il proprietario/committente della scaffalatura dovrebbe individuare e prevedere tutti i rischi connessi all’uso della scaffalatura stessa.

 

Soppalco Industriale Logima a tal fine da oltre trent’anni garantisce ai propri clienti scaffalature di elevato livello qualitativo puntando sulla sicurezza delle strutture progettate e sul rispetto totale delle normative nazionali e internazionali, garantendo affidabilità e durevolezza nel tempo.

Contattaci ora!

 

Il quadro normativo

  • Decreto Ministeriale Sanità del 5 luglio 1975 per quanto concerne le altezze minime e i requisiti igienico-sanitari principali dei locali di abitazione;
  • Regolamenti edilizi locali dei comuni italiani;
  • Norme tecniche per le costruzioni – NTC 2018 per quanto concerne in modo particolare la parte relativa al carico;
  • Eurocodice 3 per soppalchi con installazione fuori dall’Italia;
  • EN 1090 parte 1 del 2011 per quanto concerne la parte relativa alla fabbricazione.

Progettiamo e realizziamo in tempi brevi soppalchi industriali ad uso ufficio e magazzino rispettando rigorosamente tali normative.

 

Sei interessato ad un preventivo senza impegno? Contattaci ora! Email: vendite@logima.it – Tel: +39 045/6020172

Soppalchi e sismicità

In linea generale si dovrà prendere in considerazione anche l’altezza massima del locale e del vuoto esistente per capire se il mantenimento dell’altezza libera sia pari alla prescrizione di 2,40 mt.

Inoltre, con l’ Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003, è stato emanato un provvedimento che classifica sismicamente il territorio italiano sulla base di 4 zone principali: zona 1 (la più pericolosa, probabilità di terremoto alte), zona 2 (area in cui sono possibili forti terremoti), zona 3 (terremoti poco probabili), zona 4 (la meno pericolosa).
All’interno di quest’ultima è facoltà delle Regioni prescrivere l’obbligo della progettazione antisismica mentre in ciascuna di queste aree viene invece attribuito un valore dell’azione sismica utile per la progettazione, espresso in termini di accelerazione massima su roccia (zona 1=0.35 g, zona 2=0.25 g. zona 3=0.15 g, zona 4=0.05 g).

 

I soppalchi industriali Logima offrono adeguata resistenza per proteggere gli impianti e le merci dagli eventi sismici. Contattaci ora per un preventivo!

Email: vendite@logima.it  –  Tel: +39 045/6020172

Parliamo di normative

Gli elementi principali da considerare in fase di costruzione sono:

Sei interessato alla costruzione di un soppalco? Contattaci ora!

Email: vendite@logima.it  –  Tel: + 39 045/6020172

Altezza minima

La normativa nazionale prevede un altezza minima libera sotto trave di almeno 2,40 mt. Prima di progettare un soppalco viene richiesta anche l’accuratezza di verificare primariamente le condizioni della soletta su cui si andrà a posare la struttura metallica, al fine di non comprometterne la stabilità.

I riferimenti normativi a riguardo sono rappresentati da:

 

Sei interessato? Richiedici una quotazione senza impegno!

Email: vendite@logima.it  –  Tel: +39 045/6020172

Soppalchi e normative

Le normative per la costruzione di soppalchi industriali a cui la nostra azienda fa riferimento sono:

 

Sei interessato a valutare la fattibilità per la costruzione di un soppalco industriale nel tuo magazzino? Contattaci ora!

Email: vendite@logima.it  –  Tel: +39 045/6020172

Soppalchi e rischio sismico

La caduta del materiale stoccato e i danni che ne conseguono sono solo alcuni degli effetti devastanti che ne possono derivare.

I soppalchi antisismici rappresentano la soluzione ideale per il magazzino poiché dispongono delle caratteristiche di adattabilità e solidità applicate alle più recenti normative in materia, le quali permettono di realizzare strutture per magazzini, uffici e piattaforme/passerelle aeree in totale sicurezza.

I vantaggi che ne derivano sono:

 

Sei interessato alla progettazione di un soppalco antisismico? Contattaci ora!

Email: vendite@logima.it

Tel: +39 045/6020172

Protezioni e normative

La normativa che concerne l’obbligo della realizzazione di tale elemento è la seguente:

D.lgs. 81/08 allegato IV punto 1.7.3:

Le scale a pioli di altezza superiore a m. 5, fissate su pareti o incastellature verticali o aventi una inclinazione superiore a 75 gradi, devono essere provviste, a partire da m. 2,50 dal pavimento o dai ripiani, di una solida gabbia metallica di protezione avente maglie o aperture di ampiezza tale da impedire la caduta accidentale della persona verso l’esterno.

D.Lgs. 81/08 allegato IV:

1.7.2.1. Agli effetti del presente decreto è considerato “normale” un parapetto che soddisfi alle seguenti condizioni:

1.7.2.2. E’ considerato “parapetto normale con arresto al piede” il parapetto definito al comma precedente, completato con fascia continua poggiante sul piano di calpestio ed alta almeno 15 centimetri;
1.7.2.3. E’ considerata equivalente ai parapetti definiti ai commi ai punti precedenti, qualsiasi protezione, quale muro, balaustra, ringhiera e simili, realizzante condizioni di sicurezza contro la caduta verso i lati aperti, non inferiori a quelle presentate dai parapetti stessi;
1.7.3. Le impalcature, le passerelle, i ripiani, le rampe di accesso, i balconi ed i posti di lavoro o di passaggio sopraelevati devono essere provvisti, su tutti i lati aperti, di parapetti normali con arresto al piede o di difesa equivalenti. Tale protezione non è richiesta per i piani di caricamento di altezza inferiore a m. 2,00.

 

VUOI AUMENTARE IL TUO SPAZIO IN MAGAZZINO? SCEGLI I NOSTRI SOPPALCHI INDUSTRIALI!

Email: vendite@logima.it

Tel: +39 045/6020172

Zone a rischio e soppalchi antisismici

Tutti i nostri soppalchi antisismici garantiscono la dissipazione delle vibrazioni causate sia dai moti oscillatori sia da quelli sussultori, aiutando l’Azienda ad evitare perdite economiche dovute al crollo degli scaffali e garantendo la sicurezza dei propri dipendenti.

 

SEI INTERESSATO? CONTATTACI ORA!

Email: vendite@logima.it

Tel: +39 045/6020172